Gioco e Avanguardia: non siamo tutti un po’ Dada?

    Publikation: Artikel i tidsskrift og konference artikel i tidsskriftTidsskriftartikelForskningpeer review

    Abstrakt

    Il Dadaismo, movimento artistico che si affermò alla fine del 1910 e nei primi anni Venti, sfidò le tradizionali nozioni di arte ed estetica. I dadaisti, per esempio, gettavano ritagli di carta colorata in aria per comporre ipotetici collage, eseguivano poesie prive di valore semantico e creavano cappelli formati da scatole di sardine. Per la maggior parte degli storici dell‟arte, il Dadaismo rimane culturalmente una espressione legata in maniera contingente alla Prima guerra mondiale, al trauma, al nichilismo, alla disillusione politica e ad un attacco aggressivo alla bancarotta morale della cultura occidentale. L‟autore suggerisce che questa interpretazione negativa proviene dalla cecità metodologica della storia dell‟arte rispetto all‟importanza del gioco, importanza non solo in relazione agli sforzi creativi e artistici, ma anche in relazione all‟identità umana. Il Dadaismo è caratterizzato da un amore impetuoso nei confronti dell‟improvvisazione, della curiosità, delle novità e da una esplorazione inconsapevole del mondo fenomenico; enfaticamente professato come „anti-arte‟ e „stato mentale‟. Se considerato in riferimento all‟analisi sul gioco e alla psicologia positiva, il Dadaismo emerge come una pietra miliare anticipatrice e visionaria, in grado di capire il gioco come espressione fondamentale della umanità, quasi un secolo prima che il mondo accademico lo prendesse sul serio.
    Bidragets oversatte titelPlay and the Avant-Garde: Aren't We All a Little Dada?
    OriginalsprogItaliensk
    TidsskriftLogoi.ph
    Vol/bind1
    Udgave nummer3
    Sider (fra-til)102-114
    Antal sider12
    ISSN2420-9775
    StatusUdgivet - 31 okt. 2015

    Fingeraftryk

    Dyk ned i forskningsemnerne om 'Gioco e Avanguardia: non siamo tutti un po’ Dada?'. Sammen danner de et unikt fingeraftryk.

    Citationsformater